Eielson in Sala d’Arme 2008/2009


mostra_2008


Jorge Eielson: arte come nodo / nodo come dono

Jorge Eielson (Lima 1924-Milano 2006) ha segnato con la sua molteplice attività artistica, performativa e letteraria il mondo culturale europeo e americano del secondo Novecento. Vissuto in Italia dal 1950 fino alla sua morte, ha fatto parte dei movimenti artistici italiani del dopoguerra, ha mantenuto vive le sue radici peruviane e il fascino per le culture precolombiane che ha studiato e ricreato nella propria opera, ha stabilito legami con altre realtà extra-europee, in particolare con quelle segnate dal pensiero zen. E così come altri artisti del suo tempo ci hanno lasciato in eredità un segno caratteristico, insieme ancestrale e nuovo, ludico e filosofico – il taglio di una tela, l’avvolgimento di un’opera architettonica, la macchia informe e casuale su un dipinto – lui ha riscoperto ricreato il nodo. Attorno a questo segno si sviluppa la mostra che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze promuove insieme al Centro Studi Jorge Eielson negli spazi suggestivi della Sala d’Arme di Palazzo Vecchio (29/11/2008 – 08/01/2009). Ad inaugurarla, la presenza eccezionale dello scrittore peruviano Mario Vargas Llosa che presenterà l’Artista e la sua opera nel Salone dei Cinquecento (29/11 ore 10,30), insieme a Martha Canfield, docente all’Università di Firenze, erede dell’artista e curatrice del catalogo (Pistoia, Gli Ori).

Le opere di Eielson aprono e chiudono lacci e nodi tra presente e passato, immanente e trascendente, tradizione e innovazione. Sarà difficile capire se il Perù ha dato all’Italia un grande artista o viceversa. Sicuramente tra l’Italia e il Perù, tra l’Italia e l’America meridionale, Eielson ha trovato dei fili poderosi, culturali e sentimentali, che è riuscito a stringere e annodare, per dare a ognuna delle sue patrie un dono eccezionale, un nodo inscindibile di stretta fratellanza.

La mostra Jorge Eielson: arte come nodo / nodo come dono è stata organizzata dal Centro Studi Jorge Eielson in collaborazione con il Comune di Firenze-Assessorato alla Cultura e inserita nell’ambito di una intera settimana dedicata all’opera di due peruviani esemplari: Mario Vargas Llosa e Jorge Eduardo Eielson. La mostra è stata curata dalla Prof.ssa Martha L. Canfield, presidente del Centro Studi Jorge Eielson.

Il catalogo, edito da Gli Ori (Pistoia), raccoglie tensioni e nodi dipinti, intagliati in legno o realizzati in stoffa, esposti in Sala d’Arme, nonché i testi della curatrice, Martha Luana Canfield, del presidente del comitato scientifico del Centro, Mario Vargas Llosa, dell’artista Fernando de Szyszlo, dei professori Luciano Boi e Aldo Tagliaferri, e un’intervista con J. Eielson del prof. Antonio Aimi; inoltre presenta gli omaggi di vari artisti (Mimmo Rotella, Carlos Runcie Tanaka, Cristiano Mattia Ricci) e poeti (Alessio Brandolini, Bili Sanchez, Ivan Sirtori, Andrea Santon).
La curatrice ha, inoltre, preparato una nuova edizione, corretta e aggiornata, dell’antologia di Jorge Eduardo Eielson, Poesia scritta, Firenze, Le Lettere, 2008 e curato la raccolta poetica Di stanza a Roma, Roma, Ponte Sisto, 2007.

Per approfondire

Arte come nodo / nodo come dono

Dal catalogo

Introduzione di Mario Vargas Llosa

Fernando de Szyszlo   español italiano english

Foto mostra